Weekend fotografico, Arquata del Tronto, 23 e 24/10/2010 (prima parte)

forestalpIl materiale fotografico raccolto è tanto e di qualità, così ho deciso di partire con un articolo iniziale e poi aggiungere gli altri.
Anche se ovvii, vanno fatti i ringraziamenti alla Forestalp e a Francesca che ci ha guidato con sicurezza, ha accettato le nostre lungaggini di fotografi e ci ha spronato quando stavamo veramente esagerando.
Non sto dimenticando Sabrina, ospite impeccabile e maestra di tisane.
D’accordo…, ringraziamo anche Luca, impossibilitato a partecipare ma artefice dell’evento.

Bene, andiamo per ordine.
La prima foto riproduce lo spettacolo che ho visto dalla mia finestra del Centro dei Due Parchi appena sveglio, un anticipo dei colori che saremmo andati a cercare poco dopo.

testo alternativo

foto: andrea tessadori

foto: andrea tessadori

Anche la vista verso la rocca di Arquata prometteva una buona giornata fotografica.

Insieme al gruppo dei “mattinieri” abbiamo definito un programma di massima da variare secondo il tempo, gli interessi e l’arrivo dei “serali”.

Prima meta fissata è stata Forca di Presta ma a metà strada questo acero colpito dal sole ci ha imposto una prima sosta fotografica.

Credo che abbiamo fotografato tutti questo albero.

foto: giuliano bassi

Purtroppo il sole andava e veniva sulla chioma dell’acero ma questa situazione ci ha consentito di sfruttare queste macchie di luce sul paesaggio per fare degli scatti un po’ diversi dal solito.

foto: lorenzo fosco - post-produzione: andrea tessadori

Direi che è stata una costante di tutta la giornata.

foto: andrea tessadori

E infatti eccoci tutti a fotografare.

foto: lorenzo fosco - post produzione: andrea tessadori

Grandi panorami!!!

foto: renzo canalini - post produzione: andrea tessadori

E’ partita anche la caccia al particolare con bei risultati.

Quì c’è bisogno dell’intervento di Rosaria perchè io il nome di questo fiore o infiorescenza o pianta, insomma rappresentante del mondo vegetale, non me lo ricordo proprio

foto: regina coppari

foto: regina coppari

questo invece come si chiama? Gigetto?

Poi ci siamo avviati per scollinare e ammirare il panorama verso Castelluccio e la relativa Piana. Una bella nuvola ci aveva coperti e il sole riusciva a spuntare solo a sprazzi sulla Piana.

foto: regina coppari

foto: andrea tessadori

foto: regina coppari

Da una parte avevamo il monte Vettore…

foto: giuliano bassi - post produzione: andrea tessadori

foto: lorenzo fosco - post produzione: andrea tessadori

foto: eugenio verolo

… dall’altra la Piana di Castelluccio.

foto: renzo canalini - post produzione: andrea tessadori

foto: renzo canalini - post produzione: andrea tessadori

foto giuliano bassi - post produzione: andrea tessadori

foto: lorenzo fosco - post produzione: andrea tessadori

con qualche divagazione verso il lato umano e tecnologico-sportivo.

foto: regina coppari

foto: renzo canalini

Nuovi particolari e funghi vari.

Il rovo di fuoco

foto: giuliano bassi - post produzione: andrea tessadori

foto: regina coppari

foto: regina coppari

foto: renzo canalini

fungo??? foto: renzo canalini

Ritorno agli automezzi per raggiungere la Piana di Castelluccio.

foto: renzo canalini

Siamo nella Piana di Castelluccio. Il sole continua a nascondersi dietro un enorme nuvolone ma noi, da bravi fotografi, ci inventiamo comunque qualcosa da riprendere.

foto: regina coppari - post produzione: andrea tessadori

foto: andrea tessadori

foto: lorenzo fosco - post produzione: andrea tessadori

foto: andrea tessadori

…e infine anche una elaborazione in bianco e nero.

foto: andrea tessadori

Per ora ci fermiamo qui.
Commenti e domande non sono solo accettati, sono richiesti!!!
Sia da chi ha partecipato al weekend fotografico sia da chi non ha potuto o voluto.

Se qualcuno dei partecipanti ha foto da mandarmi, il mio indirizzo di posta è andrea.tessadori@anconet.it.
Farò di tutto per pubblicarle.

Se ho scritto qualche castroneria, coreggetemi.

Alla prossima puntata.

Andrea Tessadori

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento