Tanta neve, tante foto (prima parte)

Mai vista tanta neve in Ancona, mai vista tanta gente a fotografare.
Abbiamo sfoderato telefonini, compatte, mirrorless, reflex e giù a scattare.
Dico “abbiamo” perché l’ho fatto anche io e di seguito c’è qualche risultato con i soliti autocommenti.
Serve qualcosa di speciale per fotografare la neve? Se non parliamo di alta montagna direi di no.
I sacri testi dicono: in caso di neve sovraesporre leggermente (da mezzo stop a 1 e mezzo).
Niente di più vero. La neve vorremmo vederla bianca e non grigia per cui aiutiamo l’esposimetro della nostra fotocamera con questa leggera sovraesposizione.
Ma la mia fotocamera non mi permette di variare l’esposizione! Bene, controlla se c’è una modalità Spiaggia/neve tra le cosiddette Scene (SCN).
Se non c’è neanche quella, scatta lo stesso, avrai dei problemi se tenti di riprendere un cane nero in un campo completamente innevato, per il resto qualcosa di accettabile dovrebbe venire fuori. Alcune delle foto che vedrete di seguito non hanno avuto nessuna correzione dell’esposizione ma ho scattato in RAW e con una Nikon D700, fotocamera classificata come semi-professionale o giù di lì.
Anche se non siete in alta montagna ricordatevi che il freddo è un nemico giurato delle batterie per cui preoccupatevi di ricaricarle prima di uscire e, soprattutto, cercate di tenere la fotocamera il più possibile al caldo, quindi in tasca, sotto il cappotto ecc.
Se la vostra attrezzatura è un po’ più evoluta di una compatta, allora vi consiglerei di stanziare una piccola cifra per una seconda batteria. Sono convinto che volendo fare fotografie in digitale un po’ seriamente questo dovrebbe essere il primo accessorio da acquistare.
Passetto di AnconaSe non ricordo male era la prima giornata di neve. Come si vede dalla quamtità di impronte non sono arrivato primo. Male! Se vuoi fare delle foto super devi arrivare per primo, massimo secondo. Tra l’altro il signore ripreso si direbbe un altro fotografo a giudicare dalla borsa. Neve non ce n’è tanta ma il mare mette paura. NIKON D700, 1/500 s, f/9, ISO 800, 0.00 eV, 120 mm.

Monumento ai Caduti - AnconaCome al solito si tratta di diverse foto messe insieme. Il mio grandangolo Tokina 12-24 non riesce a inquadrare tutta ‘sta roba. Bisogna tener presente che su una fotocamera Full Frame come la D700 il Tokina, disegnato per il formato APS-C,  è utilizzabile solo fino a 18mm altrimenti crea una pesante vignettatura. 18mm è comunque un bel grandangolare. Qui più che la neve fa il suo effetto il maltempo: la sensazione di freddo è immediata. Certo, se non ci fossero tutte quelle stupide scritte sarebbe meglio…NIKON D700, 1/500 s, f/9, ISO 800, 0.00 eV, 18 mm

Monumento ai Caduti - Ancona

Come sopra. Sono dell’opinione che  ci sia differenza tra fare un bel murales in un posto adeguato e scarabocchiare scemenze su un monumento, qualunque esso sia. Questa foto è stata un po’ elaborata con Photoshop. Le colonne e l’ara del monumento risultavano troppo spente e il cielo troppo chiaro. L’aiuto più consistente è venuto dalla funzione Ombre/luci ma sicuramente ho fatto qualcosa d’altro ma non riesco a ricordarlo bene. NIKON D700, 1/500 s, f/7.1, ISO 800, 0.00 eV, 18 mm.

OrmeUna foto quasi scontata, le orme nella neve. Quello che le da un minimo di interesse è il mix di orme umane e di piccioni. Ho dovuto aumentare e non poco il contrasto per renderla viva. Ho anche ridotto la luminosità per mantenere abbastanza particolari nella neve. NIKON D700, 1/640 s, f/9, ISO 800, 0.00 eV, 24 mm.

Panchina e estintore

.

.

Anche in questa foto ho abbassato il livello di luminosità in post-produzione semplicemente perché mi sembrava più interessante così, con pochi colori che emergono da un ambiente scuro e poco colorato. Avrei dovuto sottoesporre al momento della ripresa ma non sempre capisco al volo qual’è il sistema migliore di ottenere  un buono scatto. Diciamo che mi attengo a questa filosofia fotografica: c’è qualcosa che ti intriga? Allora scatta! Poi vedrai. Questo sistema non da nessuna garanzia di fare sempre buone foto ma evita di perdere qualche occasione. Ne riparleremo. NIKON D700, 1/800 s, f/7.1, ISO 800, 0.00 eV, 18 mm.

L'onda e il gabbianoQui la neve non c’entra niente ma l’ho scatta nello stesso giorno delle altre. Fai doppio click sulla foto per vederla più grande altrimenti si apprezza poco il risalto del gabbiano a fuoco mentre il resto no. Ho sempre avuto l’impressione che i gabbiani, in giornate come queste, con freddo, vento e neve, si divertano come matti. NIKON D700, 1/1600 s, f/5.6, ISO 800, 0.00 eV, 300 mm.

neve graficaAltro classico: l’effetto grafico sulla neve. Bisogna cercare di ottenere il contrasto giusto in post-produzione perché in ripresa è piutosto difficile. Questi effetti si ottengono molto spesso da una posizione elevata quindi è bene guardarsi attorno (verso l’alto) per vedere se c’è un balcone, un belvedere, insomma qualcosa che ci permetta di scattare dall’alto verso il basso. NIKON D700, 1/320 s, f/9, ISO 800, 0.00 eV, 62 mm.

bacche, neve, economia

.

.

.

.

.

.

.

Due foto con uno stesso soggetto: delle bacche rosse e la neve. Quello che cambia è lo sfondo e le due foto acquistano un sapore nettamente differente. Non voglio dire che lo sfondo è più importante del soggetto ma spesso fa la differenza. NIKON D700, 1/125 s, f/9, ISO 800, 0.00 eV, 120 mm. NIKON D700, 1/80 s, f/11, ISO 800, 0.00 eV, 120 mm.

.bacche, neve

.

.

.

.

.Campo degli Ebrei - Ancona

.


Il Campo degli Ebrei così innevato è sicuramente suggestivo. Si tratta di un Antico Cimitero Ebraico disteso su di un prato a picco sul mare. Chi non è di Ancona e vuole sapere qualcosa di più di questo luogo così particolare può trovare informazioni cliccando qui. Per la foto c’è stato bisogno di un piccolo intervento per rendere più evidenti le iscrizioni. NIKON D700, 1/500 s, f/11, ISO 800, 0.00 eV, 48 mm.

Campo degli Ebrei e falesiaAncora il Campo degli Ebrei. Si riconoscono due cippi e sullo sfondo la falesia che precipita in mare. Ho lasciato queste foto leggermente scure perché quella era la luce che si percepiva in quella giornata. Portarle alla luminosità “corretta” avrebbe, secondo me, falsato l’atmosfera. Il gioco grafico dei rami e della neve ha richiesto un leggero aumento della nitidezza. NIKON D700, 1/100 s, f/16, ISO 800, 0.00 eV, 120 mm.

Campo degli Ebrei

.

.

Ecco, questa a me sembra una foto riuscita, come ne vengono fuori di rado. Spiegatemi voi il perché. NIKON D700, 1/160 s, f/13, ISO 800, 0.00 eV, 110 mm.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento